Questo sito utilizza i cookie. Proseguendo nella navigazione si acconsente all’utilizzo dei cookie in conformità con i termini di uso espressi nella policy visualizzabile al pulsante "Policy".

Psicologia Giuridica

Modulo Contatti

Contatti

ll 14 Giugno 2017 è stata approvato[1] alla Camera il DDL che riforma il processo penale.

All'indomani dell'approvazione ci sono state diverse polemiche, riprese da alcuni giornali, fra cui anche il FattoQuotidiano.

L'allarme era dovuto al fatto che diversi reati sono stati effettivamente modificati, con la possibilità di risarcire la parte lesa con un indennizzo economico prestabilito, vedendosi estinguere la pena.

Si credeva quindi che anche lo Stalking o, meglio, il reato di "Atti perseutori" (612 bis c.p.), facesse parte di questa lista.

Tre sindacaliste (della Cgil, Cils e Uil) segnalavano di avere scoperto che nella legge di riforma del codice penale si prevedeva l’introduzione di un nuovo articolo, il 162 ter, che consentiva l’estinzione dei reati a seguito di condotte riparatorie, fra cui lo stalking, senza il consenso della vittima.

E' dovuta intervenire la Presidente della Commissione Giustizia della Camera, Donatella Ferranti, per fare chiarezza sul fatto che «La riforma del processo penale che prevede la possibilità che il giudice estingua il reato nel caso di riparazione del danno si applica solamente – spiega – ai reati procedibili a querela remissibile. E non è certo il caso del delitto di stalking che si realizza attraverso minacce gravi e reiterate, casi per i quali la legge sul femminicidio nel 2013 ha espressamente sancito l’irrevocabilità della querela[2]».

Il reato di "Atti perseutori", quindi non è cambiato e viene punito da 6 mesi a 5 anni, con pena aumentata se il fatto è commesso dal coniuge, anche separato o divorziato, o da persona che è o è stata legata da relazione affettiva alla persona offesa, oppure se il fatto è commesso attraverso strumenti informatici o telematici.

La pena è aumentata fino alla metà se il fatto è commesso a danno di un minore, di una donna in stato di gravidanza o di una persona con disabilità, oppure con armi o da persona travisata (camuffata per non farsi riconoscere).

 

Dott.ssa Anna Patrizia Guarino

Psicologa, Psicodiagnosta, Consulente Tecnico di Parte

Presidente AIPCG

 

[1] http://www.repubblica.it/politica/2017/06/14/news/giustizia_cosi_cambia_il_processo_penale_approvata_la_fiducia_la_riforma_diventa_legge-168081423/

[2]
http://www.lastampa.it/2017/06/27/italia/politica/lo-stalking-si-potr-risarcire-con-una-multa-scatta-la-polemica-N5rP9eAKk7KzSEKj24i91H/pagina.html

Corsi Online Sempre disponibili

Iscriviti alla Newsletter AIPCG

Iscriviti per ricevere novità sui webinar gratuiti, corsi a pagamento, e-book...